Finalmente ci hanno ascoltato. Abbiamo fatto una grande pressione dal basso ed abbiamo creato le condizioni politiche per scrivere una nuova pagina della storia del nostro territorio!
La Commissione europea, grazie anche al lavoro svolto dal Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, ha finalmente approvato la misura del credito d’imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali nell’area del cratere del terremoto.

È passato il principio che Fratelli d’Italia manifesta ormai da un anno.

Il Piceno, visti i carenti investimenti infrastrutturali degli anni passati, gli oltre 28000 disoccupati e gli eventi sismici, necessita di essere inserito in tutte le misure di sostegno previste per le regioni del sud per poter ricreare le condizioni di attrazione a nuovi investimenti industriali e poter guardare al futuro con le stesse condizioni degli altri territori al fine di dare opportunità di lavoro e dignità sociale.

Il credito d’imposta è un primo passo verso la rilancio del Piceno ed ora siamo a lavoro per far partire la fase due! Lanciamo sin da subito la vera sfida rivoluzionaria del sud delle Marche con la zona economica speciale che va oltre la piccola pillola della zona franca urbana e che porta ad un intervento strutturale, creando le reali condizioni per ritornare un’ area di sviluppo, di lavoro e di investimenti.
Sulla zona economica speciale ci batteremo nei prossimi mesi come movimento politico e chiederemo un supporto a tutte le forze di centro destra per arrivare tutti inseme a chiedere, per i prossimi 4 anni, l’inserimento dei Comuni del cratere in tutte le misure di sostegno e di incentivi previsti per le regioni svantaggiate del sud.

Il nostro primo traguardo ci spinge nel continuare a lavorare con lo stesso spirito di proposta e di inclusione che è stato premiato alle urne del 4 Marzo 2018 con uno dei dati più importanti del nostro partito a livello nazionale.

Share This