Uno dei pilastri su cui si basa la mia campagna elettorale è il terremoto.

Mi impegnerò per progredire la rinascita della nostra Terra dopo il sisma, per permettere un rilancio economico, sociale e turistico che possa far superare le dolorose ferite inflitte dalla crisi economica e dagli eventi tellurici.

Molti negli ultimi giorni stanno accusando me e la politica di centro-destra di non aver fatto abbastanza durante il perioso post-sisma.

Io voglio parlare di me e di quello che io ho fatto per aiutare persone e comuni in difficoltà dopo il terremoto. Per prima cosa sono stato sempre disponibile nei confronti di tutti i Sindaci che hanno richiesto il mio aiuto, in particolare sono intervenuto nel comune di Acquasanta Terme e Arquata del Tronto.

Pur non ricoprendo io un ruolo a livello provinciale o regionale, solo comunale ad Ascoli Piceno, ho cercato subito di coinvolgere grandi realtà per aiutare le nostre terre. Ho coinvolto grandi nomi e grandi imprese come il gruppo Bosch, come Randstad, come anche il governo tedesco portando ripetute volte nei luoghi colpiti dal sisma il Ministro plenipotenziario dell’ ambasciata tedesca Irmagard Maria Fellner per attivare subito delle relazioni esterne sia di aiuti materiali sia di aiuti economici in una prospettiva futura per il territorio.

La prima azione svolta da me insieme al gruppo Bosch è stata la creazione di un “playground”, un campo polivalente ad Acquasanta Terme annunciato a Giugno e inaugurato come promesso il 29 Settembre 2017 che ha portato sul territorio grandi nomi dello sport e una nuova voglia di ripartire.

E’ partito, grazie sempre all’appoggio del gruppo Bosch, un progetto di alternanza scuola-lavoro: circa 100 ragazzi del piceno a Milano nella sede principale dell’azienda. Negli anni successivi abbiamo previsto di dare l’opportunità ad altri ragazzi di Ascoli Piceno di fare un’esperienza di alternanza scuola-lavoro in Germania sperando di garantire loro una migliore prospettiva lavorativa futura.

Abbiamo attivato dei progetti con varie fondazioni. una tra queste la “Fondazione Laureus” del gruppo Mercedes che ha permesso a molti i bambini colpiti dal dramma del sisma di frequentare corsi di danza e pallavolo gratuitamente.

Io personalmente ho aiutato numerose attività, in particolare a Nando Filotei che, insieme alla moglie Maria, è diventato un carissimo amico. Ho scritto un libro (Crea, credi, cambia) che parla di storie difficili di vita, proprio come quella di Nando; ho voluto raccontare la resilienza e la forza delle persone che si sono rialzate con grande forza grazie anche al contributo di persone solidali.

Sono stato vicino agli allevatori, ho cercato di stimolare risorse ed investimenti.

Ora ho la possibilità di fare di più per il nostro territorio, voglio interpretare questa campagna elettorale come un alfiere che possa difendere e rappresentare le difficoltà dei bambini, delle donne, degli uomini e delle associazioni di tutto il territorio per portarlo al parlamento italiano.

Voglio tornare a far brillare queste terre e finalmente rinascere insieme!

Share This